06.03.06

a Mira – area nomadi come una discarica

Archiviato in Argomenti vari tagged , , , , at 11:11 by Blog Admin

Da il Gazzettino

La denuncia dei consiglieri della lista civica Nuova Mira in seguito alle certificazioni dell?Asl 13
«Campo nomadi come una discarica»

La nuova struttura di Giare era stata promessa dall?attuale Giunta già quattro anni fa

Mira
Fango e sporcizia, niente servizi igienici, condizioni generali di assoluta precarietà, certificate dall’Asl.È la penosa condizione in cui vivono le famiglie nomadi dell’area Pip a Giare di Mira, tra le quali si contano molti bambini. Ma del campo nomadi promesso dall’attuale Giunta già quattro anni fa non c’è traccia, a un anno dalla scadenza del mandato.La situazione ha provocato l’indignazione dei consiglieri della lista civica Nuova Mira, che in decine di occasioni ha portato il problema all’attenzione del consiglio comunale e delle commissioni consiliari competenti, sollecitando anche il finanziamento anticipato dell’opera. “Ma abbiamo sempre ottenuto giustificazioni e assicurazioni inconsistenti – dichiarano i membri di Nuova Mira -”.

I fondi destinati alla realizzazione del campo nomadi sembrerebbero essere disponibili da anni, ed è anche per questo che la presa di posizione della lista civica si fa dura: “L’Amministrazione continua a farsi scudo con il fatto che gli altri comuni della Riviera non collaborano alla gestione dell’emergenza nomadi . E allora come mai la Giunta è invece sempre solerte se si tratta di organizzare operazioni sovracomunali per la creazione di società, consorzi e enti per la gestione di questo o quel servizio? Per il campo nomadi si tratterebbe solo di mettere in piedi una semplice Conferenza dei Servizi. Un’operazione tutt’altro che difficile. Evidentemente a questa maggioranza manca la volontà di affrontare il problema in modo serio, e valori quali giustizia e solidarietà rimangono solo belle parole. Forse per l’Amministrazione risulta imbarazzante trovarsi di fronte alla realizzazione di un campo nomadi , e rimane perciò ostaggio dei mugugni di chi lo vorrebbe sempre distante da casa propria”.

Per conoscere le reali intenzioni dell’Amministrazione, Nuova Mira presenterà un’interrogazione al sindaco Roberto marcato nei prossimi giorni. “Perché – concludono i consiglieri – vogliamo capire se vogliono ancora lasciare vivere quelle persone in condizioni bestiali, da Terzo Mondo o se si decideranno finalmente a utilizzare i fondi a disposizione”.

Antonio Tosi



I commenti sono chiusi